FATTURA ELETTRONICA: le domande frequenti

La fatturazione elettronica non è più una “ipotesi”, ma una realtà , e  nella realtà delle cose si moltiplicano casistiche,  domande,  dubbi, e metodologie di lavoro.

Ma quali sono le domande più frequenti che gli utenti si pongo e pongono ai loro consulenti fiscali per non incorrere in errori e sanzioni?

 

  1. Le fatture emesse nel 2018 e trasmesse al destinatario nel 2019, devono essere riemesse in formato elettronico?

    Le fatture emesse fino al 31 dicembre 2018 seguono la procedura analogica, quindi possono essere trasmesse come pdf attraverso email , oppure consegnate a mano in formato cartaceo.

  2. Cos’è la copia di cortesia di una fattura?

    La fattura elettronica inviata al SdI potrebbe subire dei ritardi nella consegna al destinatario, dovuti ad errori o semplicemente a rallentamenti del sistema di trasmissione, in questi casi il mittente può inviare una copia del documento al destinatario in formato pdf o cartaceo , che però non ha valore fiscale nè per il mittente nè per il destinatario,  e non può essere registrata in contabilità.
    Si ricorda che dal 1 di gennaio 2019 le fatture hanno valore fiscale solo se emesse in formato xml e trasmesse al SdI, viceversa è come se non fosse mai stata emessa.

  3. Quando una fattura cartacea o in pdf ha valore fiscale?

    La fattura in pdf o cartacea acquisisce valore fiscale solo se emessa in favore di :

    1. soggetti privati persone fisiche (consumer ) privi di codice destinatario o pec ;
    2. soggetti privati non stabiliti nel territorio italiano.
      Anche in questi casi però, per avere valore fiscale per mittente e destinatario, la fattura consegnata in formato cartaceo o pdf ai soggetti      privati sopraindicati, dovrà essere trasmessa obbligatoriamente al SdI secondo le specifiche tecniche.
  4. Quanto tempo si ha per emettere una fattura elettronica?

    1. Le fatture immediate devono essere emesse e quindi trasmesse al SdI alla stessa data dell’operazione , anche se fino al 30 giugno 2019( o 30 settembre 2019 per le liquidazioni trimestrali)  è consentita la trasmissione entro la data di prima liquidazione;
    2. Le fatture differite devono essere emesse e trasmesse al SdI alla stessa data, riportando i riferimenti dei documenti di trasporto  in cui sono state effettivamente effettuate le operazioni.
  5. Il commerciante al dettaglio è obbligato ad emettere fattura elettronica?

    Secondo l’art articolo 22 del d.P.R. n. 633/1972 che regola l’ esercizio del commercio al dettaglio , non vi è obbligo di emissione fattura  se non espressamente richiesta dal cliente. Qualora ciò si verifichi, l’esercente potrà:

    1. emettere fattura immediata e trasmetterla al SdI entro i termini della liquidazione periodica, e rilasciare al cliente quietanza di pagamento , tipo la stampa del POS o stampa della fattura, al fine di dimostrare l’avvenuta operazione.
      Resta ferma la possibilità di rilascio dallo scontrino/ricevuta fiscale (ovvero dal c.d. “documento commerciale” nel caso l’esercente effettui la memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi mediante registratore telematico ai sensi dell’art. 2 del d.Lgs. n. 127/15). In tale ultimo caso, come già detto, l’ammontare dei corrispettivi oggetto di fatturazione andrà scorporato dal totale dei corrispettivi giornalieri.
    2. emettere fattura differita, con i dati della ricevuta fiscale o uno scontrino fiscale emessi alla data di operazione, riportando  con Numero Scontrino oppure Numero Ricevuta oppure Numero Doc. Commerciale , e data di emissione.
  6. Come comportarsi in caso di errori di scarto ?

    Diverse sono le tipologie di errori che il SdI può restituirci in fase di trasmissione della fattura elettronica, molti di questi sono abbastanza comuni e gestibili con poche accorgimenti. Vedi articolo I Codici di Errore restituiti dal SdI 

COMPANY015 Codici di errore fattura elettronica

Fattura Elettronica 2019 proroga o riduzioni delle sanzioni?

fattura elettronica le domande frequenti dei contribuenti

  • iscriviti alla newsletter

    ricevi tutti gli aggiornamenti sul tuo indirizzo email
  •  

    error: contenuto protetto