REGOLE PER LA DETRAZIONE DELLE SPESE 2020

Quali sono le spese detraibili ai fini della dichiarazione dei redditi per il 2020? In che misura si possono detrarre?

Queste le domande che molti contribuenti si stanno ponendo dopo l’approvazione dell’ultima Legge di Bilancio, alle quali possiamo rispondere in prima battuta, con la regola principale alla quale bisogna attenersi affinchè possa essere applicata la detrazione dell’imposta lorda pari al 19% , ossia la tracciabilità del pagamento.

A partire dal 2020, la regola per la quale viene riconosciuta la detrazione fiscale del 19% ai fini Irpef,  verrà applicata solo sulle spese pagate con sistemi di pagamento tracciabili, quindi con bancomat, carta di credito, bonifico, assegno,

le nuove regole per la detrazione fiscale sulle spese sostenute nel 2020 Condividi il Tweet

Quali sono le spese detraibili da non pagare in contanti?

  • gli interessi per mutui ipotecari per acquisto immobili
  • le spese per istruzione
  • le spese funebri
  • le spese per l’assistenza personale
  • le spese per attività sportive per ragazzi
  • le spese per intermediazione immobiliare
  • le spese per canoni di locazione sostenute da studenti universitari fuori sede
  • le erogazioni liberali
  • le spese relative a beni soggetti a regime vincolistico
  • le spese veterinarie
  • i premi per assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni
  • le spese sostenute per l’acquisto di abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale.

Come andranno pagate le spese per acquisto medicinali e per prestazioni mediche?

Per non perdere il diritto alla detrazione ai fini Irpef, andranno pagate con mezzi tracciabili :

  • tutte le prestazioni rese da strutture non accreditate dal Sistema Sanitario Nazionale
  • le prestazioni mediche rese da liberi professionisti che esercitano in studi o ambulatori privati non accreditati al SSN (come dentisti, otorinolaringoiatri, … )

andranno pagati con mezzi tracciabili anche le spese sostenute per l’acquisto di cani guida per soggetti ipovedenti, per l’acquisto di veicoli per soggetti con disabilità e per  l’acquisto di strumenti compensativi per gli studenti affetti da DSA.

Discorso diverso invece per l’acquisto di :

  • i medicinali
  • i dispositivi medici
  • le prestazioni sanitarie rese dalle strutture pubbliche o da strutture private accreditate al Servizio sanitario nazionale.

che potranno ancora essere pagati in contanti , fatta eccezione per farmaci omeopatici, i farmaci veterinari, le preparazioni galeniche, per i quali non si hanno ancora specifiche chiare.

se vuoi essere aggiornato su argomenti di questo tipo, iscriviti alla newsletter di fatturadigitale.com

  • iscriviti alla newsletter

    ricevi tutti gli aggiornamenti sul tuo indirizzo email
  • nuove regole per la detraibilità fiscale delle spese mediche per il 2020

     

    error: contenuto protetto