PHISHING RIMBORSI INPS : dopo l’agenzia dell’entrate anche l’inps

Dopo i falsi rimborsi dell’Agenzia delle Entrate, ci riprovano con nuove email di phishing questa volta spedite dall’Inps.

I “cyber truffatori” non si arrendono mai, anzi complice l’estate, le vacanze e la soglia di attenzione più bassa, sono sempre pronti a farci cadere nella loro rete, con email ambigue che hanno il solo scopo di carpire le nostre credenziali o informazioni riservate.
E’ quanto sta succedendo in questi giorni, nuove email di phishing stanno arrivando a molti utenti, questa volta però hanno come mittente non più l’Agenzia dell’Entrate, ma l’Inps, sempre con il solito finto “rimborso” dell’account.

Come sono fatte le email di phishing dell’Inps?

Le email di phishing provenienti dall’Inps, hanno la solito struttura , nell’oggetto il riferimento ad un rimborso non andato a buon fine, e nel corpo dell’email l’invito ad accedere al portale ed aggiornare le credenziali, con un link ad una pagina che sembra quella dell’Inps , ma che in realtà non lo è, e riportando dei riferimenti ad una improbabile fattura emessa dall’Inps, per la quale si sta tentando il fantomatico rimborso.

(guarda l’esempio nell’allegato in fondo alla pagina)

L’Inps ha già segnalato quanto sta accadendo alla polizia postale, ma raccomandandosi con gli utenti di fare attenzione e non fornire alcuna informazione, pubblica sul sito un comunicato con un fac-simile di email di phishing che sta girando in questo periodo.

Da quali altri tentativi di truffa ci mette in guardia l’Inps?

Purtroppo i tentativi di truffa non viaggiano solo in rete,  e la stagione estiva, in cui le persone soprattutto anziani restano da soli, sembra essere un incentivo per i  malintenzionati che puntano la loro attenzione sulle truffe porta a porta o telefoniche, con espedienti subdoli al solo scopo di entrare in casa e derubare i malcapitati o recuperare dati di accesso a conti bancari o altro.

Ne sono un esempio  le diverse segnalazioni inoltrate sempre all’Inps, che riguardano chiamate di persone che si spacciano per corrieri espressi al fine di acquisire dati bancari, indirizzi e qualunque altra informazione personale per il recapito plichi o rimborsi spediti dall’INPS.

A tal proposito l’ente ha realizzato uno spot per lanciare e ricordare l’ hashtag #AttentiAlleTruffe e #NonSieteSoli sui propri canali social per rimanere sempre informati.

email-phinshing-inps-fatturadigitale-1.pdf

phishing nuova email truffa rimborsi inps

error: contenuto protetto