LUCE GAS BONUS CULTURA : SLITTANO LE SCADENZE GRAZIE AL DECRETO MILLEPROROGHE

Slittamento della liberalizzazione del mercato luce e gas e conferma del bonus cultura per chi compie 18 anni nel 2018, sono solo alcune delle disposizioni contenute nel Decreto Milleproroghe approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 25 luglio.

La data di passaggio al mercato libero per la distribuzione dei servizi di luce e gas, passa con il nuovo decreto milleproroghe al primo luglio 2020, così  quei consumatori che ancora non avevano cambiato gestore, continuando a scegliere quelli con le tariffe stabilite dall’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente, fissate ogni tre mesi per l’elettricità e secondo le quotazioni internazionali degli idrocarburi  per gas e acqua,  possono prendersi ancora un po’ di tempo per valutare meglio le offerte di mercato.

Riconfermato il Bonus 18 anni, ovvero il Bonus cultura di 500,00 euro per teatro e musica, ora previsto anche per i soggetti che compiono 18 anni di età nel 2018. 

Potrà essere utilizzata, per chi ne è in possesso e dove previsto, la Carta elettronica per  per assistere a rappresentazioni teatrali e cinematografiche, per l’acquisto di libri nonche’ per l’ingresso a musei, mostre ed eventi culturali, monumenti, gallerie, aree archeologiche, parchi naturali e spettacoli dal vivo, anche per l’acquisto di musica registrata, nonche’ di corsi di musica, di teatro o di lingua straniera.

Con il Decreto Milleproroghe si interviene anche in materia di Giustizia, Modello ISEE, Sanità e Fondo Solidarietà comunale.

Prorogate anche le graduatorie 2017/2018 per gli insegnanti di scuole all’estero, al fine di consentire il regolare avvio dell’anno scolastico 2018/2019 e per consentire la copertura di almeno 183 posti in attesa dell’attuazione delle procedure previste dal D.lgs. n. 64 del 13 aprile 2017.

Stessa sorte per Modello ISEE precompilato, ( acronico di Indicatore Situazione Economica Equivalente), strumento di valutazione in via sperimentale , che consentirebbe ai cittadini italiani di accedere a servizi , prestazioni sociali, sconti, etc. nei casi di redditi bassi e situazioni familiari particolari .

Il decreto milleproroghe approvato lo scorso 25 luglio 2018, ha interessato anche norme in materia di giustizia, in relazione alle intercettazioni e all’individuazione ed adeguamento dei locali idonei per le cosiddette “sale di ascolto”, alla predisposizione di apparati elettronici e digitali e all’adeguamento delle attività e delle misure organizzative degli uffici, il cui termine di applicazione di dette disposizioni viene prorogato al 31 marzo 2019.

Rientrano nelle proroghe anche i termini di partecipazione al Fondo di Solidarietà comunale per i Comuni rientranti nell’area cratere del sisma dell’Emilia Romagna del 2012 e di quello de L’Aquila del 2009.

decreto milleproroghe slitta il mercato libero luce e gas bonus cultura e isee precompilato

 Decreto-legge-del-25072018-91.pdf

 

error: contenuto protetto