FATTURA ELETTRONICA : nuova scadenza 18 aprile 2019

Una nuova scadenza che riguarda la fatturazione elettronica, quella del 18 aprile 2019 per l’adeguamento allo standard europeo per gli appalti nella Pubblica Amministrazione. Ma di cosa si tratta?

Dal prossimo 18 aprile 2019 le fatture elettroniche negli appalti pubblici dovrà essere conforme allo standard europeo dettato dalla norma EN16931:2017 , il che significa che le amministrazioni aggiudicatrici” ed “enti aggiudicatori” italiani saranno obbligati a ricevere ed elaborare le fatture elettroniche conformi allo standard europeo sulla fatturazione elettronica negli appalti pubblici.

Come ci si dovrà adeguare allo standard europeo?

A tal proposito l’AdE si sta adoperando al fine di stabilire quali sono le PA soggette a tale obbligo e quali saranno le nuove regole tecniche da aggiungersi a quelle attualmente in vigore sulla fattura elettronica adottata in Italia.
Inoltre, si sta già lavorando sull’adeguamento del Sistema di Interscambio per poter interpretare il formato standard europeo, considerando anche il fatto che nel modello attualmente adottato nel nostro paese si ritengono obbligatorie una serie di informazioni non previste nello standard europeo, che dovranno comunque rimanere per soddisfare le esigenze dell’amministrazione finanziaria italiana.

Fattura Elettronica per PA dal 18 aprile 2019 solo se in formato europeo Condividi il Tweet

Come dovranno adeguarsi alla nuova fatturazione elettronica europea le imprese italiane?

Più che le imprese in se, che offrono prodotti e servizi alla PA, saranno le aziende che producono software per la fatturazione elettronica per le imprese e liberi professionisti a dover adeguare i propri prodotti al nuovo standard europeo (EN16931:2017), attualmente in standby in attesa del Provvedimento dell’AdE sulle regole tecniche da applicarsi all’attuale formato della fattura elettronica, tanto sul fronte del ciclo attivo quanto su quello passivo. E proprio sul ciclo passivo delle PA italiane che emergono maggiori criticità, in quanto bisognerà definire  come dovrà essere acquisita una fattura europea convertita dallo Sdi nel tracciato italiano, visto che potrebbero mancare molte delle informazioni necessarie, come accennato precedentemente.

Per ora il formato secondo lo standard europeo della fattura elettronica è obbligatorio solo per la PA, ma come è avvenuto per la prima fase della fatturazione elettronica, partita nel nostro paese nel 2015 per la sola Pubblica Amministrazione, per poi entrare in vigore per i privati nel 2019, presumibilmente lo standard europeo della FE  diverrà a breve obbligatorio anche tra privati.

se vuoi essere aggiornato su argomenti di questo tipo, iscriviti alla newsletter di fatturadigitale.com

Widget not in any sidebars

fattura elettronica dal 18 aprile adeguata allo standard europeo norma EN16931:2017

error: contenuto protetto