FATTURA ELETTRONICA: AUTOFATTURA ACQUISTO CARBURANTE E RIFIUTO FATTURA PRIVATI

In pensione dallo scorso mese di dicembre, le schede carburanti utilizzate per la detrazione dell’Iva e la deduzione del costo per la cessione del carburante, sono state sostituite dalla fattura elettronica.

Ma come documentare ora l’acquisto di carburante in assenza di fattura elettronica del gestore?

Non è raro trovarsi in situazioni in cui il gestore del servizio di distribuzione carburante non sia ancora attrezzato per emettere regolare fattura elettronica a chi ne fa richiesta, o ne  sia impossibilitato perchè non presiede in quel momento il luogo del servizio, lasciando così l’acquirente nell’indecisione di rivolgersi ad un altro distributore o acquistarla comunque a discapito delle sue finanze.

In molti casi, l’acquirente può affidarsi a soluzioni come app gratuite con le quali fare richiesta delle fatture o sistemi di carte prepagate in cui registrandosi o attivando un servizio a pagamento, si ottiene a fine mese una fattura elettronica riepilogativa degli acquisti effettuati.
Nel caso però non possano essere adottare queste soluzioni, fermo restando che l’acquisto del carburante deve avvenire solo con mezzi tracciabili, l’acquirente che necessita della fattura per la detrazione del costo e dell’Iva, potrà procedere , trascorsi 4 mesi dall’acquisto, con l’emissione di un’ autofattura da inviare al SdI, indicando tutti i dati riferiti all’acquisto stesso ed inserendo facoltativamente la targa del veicolo.

COMPANY015 come emettere un’autofattura in un click?

Cosa succede se un cliente rifiuta la nostra  fattura elettronica ?

Se parliamo di fattura emessa nei confronti di Pubblica Amministrazione, regolarmente transitata dal SdI, questa potrà essere rifiutata dalla PA entro 15 giorni dalla prima comunicazione inviata, tramite le cosiddette “notifiche d'esito committente“, a questo punto potremo rinviare la stessa fattura correggendo gli errori segnalati dalla PA ( es. assenza di CIG ), con stesso numero e stessa data.

Nel caso della fattura elettronica emessa nei confronti di privati, regolarmente transitata dal SdI, questa non potrà essere rifiutata automaticamente dal destinatario con le cosiddette “notifiche d’esito committente” perchè non esistono ( secondo quanto previsto dal provvedimento 89757/2018 dell’AdE) .

Quindi il cliente potrà rifiutarci la fattura telefonicamente, a mezzo email o fax, e noi potremo rimediare all’errore solo con l’emissione di una nota di credito in suo favore, da inviare sempre al SdI.
Nulla di nuovo insomma, quello che si faceva in questi casi con la fattura cartacea.

Per scaricare il testo integrale del provvedimento  89757/2018 dell’AdE inserisci qui la tua email

autofattura per acquisto carburante e fattura elettronica rifiutata

se vuoi essere aggiornato su questo argomento, iscriviti alla newsletter di fatturadigitale.com

  • iscriviti alla newsletter

    ricevi tutti gli aggiornamenti sul tuo indirizzo email
  • error: contenuto protetto