CORRISPETTIVI TELEMATICI: PROROGHE E NUOVE SCADENZE

Dopo lo stop forzato delle attività produttive e commerciali a causa del Covid 19, gradualmente si riparte e ci  si ritrova a fare i conti con scadenze e adeguamenti normativi, come  l’invio dei corrispettivi telematici e le verifiche periodiche dei registratori di cassa.

A tal proposito, il Decreto Rilancio ha introdotto una serie di proroghe e sospensioni che spostano di qualche mese le attività di trasmissione telematica dei corrispettivi, la scadenza sulla fase transitoria di adeguamento con i nuovi registratori di cassa telematici,  sulla lotteria degli scontrini, e molto altro.

Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta, mutuando tali informazioni anche dalla esaustiva guida pubblicata dall’Agenzia delle Entrate “Emergenza Coronavirus e i Corrispettivi Telematici“.

Corrispettivi Telematici: con il Decreto Rilancio nuove proroghe e nuove scadenze Condividi il Tweet
  • Proroga del termine della fase transitoria
    Per gli esercenti che scelgono di avvalersi della fase transitoria,  resta obbligatoria per tale periodo , l’emissione di ricevute e scontrini ed è previsto l’invio telematico dei corrispettivi giornalieri entro la fine del mese successivo alle operazioni di vendita.Per gli esercenti con volume d’affari inferiore ai 400.000 euro,  la fase transitoria è cominciata il 1° gennaio 2020  e terminerà il 1° gennaio 2021, e per tale data dovranno adottare uno degli strumenti messi a disposizione per la memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi , quali il registratore telematico o la procedura web “Documento Commerciale on line”;
  • Proroga per la trasmissione dei corrispettivi a Sistema Tessera Sanitaria
    La decorrenza dell’obbligo di trasmissione dei dati per la dichiarazione precompilata a Sistema Tessera Sanitaria mediante la memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi, riguardante gli esercenti che effettuano cessioni di medicinali e presidi medici o prestazioni sanitarie, e inizialmente prevista per il 1° luglio 2020, viene posticipata dal decreto Rilancio al 1° gennaio 2021;
  • Proroga della decorrenza della lotteria dei corrispettivi
    L’inizio della lotteria dei corrispettivi, previsto al 1° luglio 2020, viene posticipato dal decreto Rilancio al 1° gennaio 2021.

Per quanto riguarda invece i termini di trasmissione dei corrispettivi , l’esercente :

  •  per l’invio delle chiusure giornaliere da registratore telematico, in presenza di problemi di collegamento alla rete internet o malfunzionamenti nella connettività alla rete del registratore telematico,non risolvibili con un’appropriata attivazione dell’esercente, potrà completare l’invio entro il  30 giugno 2020;
  • per l’invio dei corrispettivi giornalieri da esercenti che continuano ad emettere scontrini e ricevute fiscali  on volume d’affari inferiore a 400.000 euro che rientrano nella fase transitoria, dovranno entro il 30 giugno 2020  completare l’invio dei corrispettivi giornalieri dei mesi di febbraio, marzo, aprile e maggio 2020, collegandosi al portale “Fatture e Corrispettivi” con le proprie credenziali e selezionando il link “Corrispettivi per esercenti non in possesso di RT ;
  • per l’invio dei corrispettivi da distributore automatico  nel periodo tra l’8 marzo e il 31 maggio 2020, un gestore di un distributore automatico non è in grado di effettuare la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi entro 60 giorni dal precedente invio dei dati – poiché il tecnico incaricato di rilevare il dato presso il sistema master del distributore è impossibilitato ad effettuarlo – potrà compiere la rilevazione e la trasmissione in un momento successivo, ma comunque entro il 30 giugno 2020.

come scegliere il software gestionale adatto al proprio business

se vuoi essere aggiornato su argomenti di questo tipo, iscriviti alla newsletter di fatturadigitale.com

  • iscriviti alla newsletter

    ricevi tutti gli aggiornamenti sul tuo indirizzo email
  • Se vuoi ricevere la guida completa “L’Emergenza Coronavirus e i Corrispettivi Telematici”, scrivi a info@fatturadigitale.com oppure vai al sito  dell’Agenzia delle Entrate .

    error: contenuto protetto